Archivi tag: Sicurezza Italia

PIN-066

Stato di insicurezza

Morire di Lavoro: i dati dell’ Osservatorio indipendente di Bologna morti sul lavoro 2011 2010. Morti bianche. Infortuni mortali.

http://cadutisullavoro.blogspot.com/

“Dall’inizio dell’anno a oggi 4 febbraio per infortuni sui luoghi di lavoro ci sono stati 66 morti e 113 se si aggiungono i lavoratori morti sulle strade e in itinere. Il 4 febbraio 2010 sui luoghi di lavoro erano 42. Registriamo rispetto all’anno scorso uno spaventoso aumento del 65 %. Questo perche’ i lavoratori per non perdere il posto di lavoro o per iniziarne uno nuovo, quasi sempre precario, si espongono anche a rischi mortali per non essere licenziati. Gli infortuni gravi registrati dall’inizio dell’anno dall’osservatorio sono gia’ 58. Purtroppo tra qualche settimana, nella seconda decade di marzo, iniziera’ il periodo critico per gli agricoltori ed edili del centro sud, cio’ provochera’ decine di morti di anziani agricoltori per il ribaltamento di obsoleti trattori e di giovani edili, quasi tutti del sud italia e stranieri. Nei mesi successivi inizieranno le stragi al nord in queste categorie. speriamo che i media e le istituzioni sensibilizzino le categorie a rischio.” (Carlo Soricelli)

Annunci

Chiedi alla polvere

In memoria di Luisa Minazzi

Morta Luisa Minazzi, l’ennesima vittima dell’Eternit

mercoledì, 7 luglio, 2010, 12:29 – L’ennesima vittima dell’amianto a Casale Monferrato è una donna simbolo della lotta contro la Eternit. Luisa Minazzi, 58 anni, dirigente scolastica ed ex assessore all’ambiente, fondatrice della sezione casalese di Legambiente, non aveva mai lavorato nello stabilimento. Ma, come molti altri che non avevano mai messo piede in quella fabbrica, è stata colpita dal mesotelioma che ne ha provocato la morte, avvenuta ieri mattina. Malattia dai tempi di incubazione lunghi decenni, il mesotelioma le era stato diagnosticato nel 2006, dopo una vita di manifestazioni, picchetti e battaglie per fermare la strage che si consuma tuttora nella città dell’Alessandrino, la più colpita dalla strage. Come assessore aveva dato il via, nel 1995, alla prima grande bonifica degli ex magazzini Eternit di piazza d’Armi. Il padre di Luisa Minazzi, operaio della Eternit, era già morto per asbestosi. Il sindaco Giorgio Demezzi ha inviato ai familiari un messaggio: «In ogni ambito che l’ha vista impegnata – ha scritto – da quello scolastico a quello sociale, ma anche politico come consigliere e poi assessore comunale, ha lasciato segni indelebili di grande professionalità, forte impegno e generosa passione. Una grave perdita per la nostra comunità lenita in parte dall’esempio e dal ricordo che lascia a tutti noi». Per l’aggravarsi della malattia, Luisa non ha mai potuto essere presente al maxiprocesso Eternit in corso a Torino. Chi ci sarà alla prossima udienza ha deciso di ricordarla portando una fascia listata a lutto al braccio. (Adnkronos, 7 luglio)

Tutte le mie immagini sulle vittime dell’Eternit.

Corrosione passante

Il disastro ferroviario verificatosi nella stazione di Viareggio nel giugno 2009 in seguito al deragliamento di un treno merci e alla successiva esplosione  causata  dalla fuoriuscita di gas da una cisterna contenente GPL .

corrosione passante