Archivi tag: Milano

Dacci oggi il nostro scontro quotidiano

Expo 2015. Dacci oggi il nostro scontro quotidiano. (PIN)

Dacci oggi il nostro scontro quotidiano 2

Incidenti a corteo No-Expo Mayday parade

Black bloc in azione, macchine in fiamme

ANSA) – MILANO, 1 MAG – Guerriglia a Milano durante il corteo degli antagonisti No-Expo. Banche e auto in fiamme, vetrine infrante, gente e turisti in fuga terrorizzati, scontri con la polizia, undici agenti contusi, dieci manifestanti fermati, di cui cinque arrestati in flagranza. E’ sfociata in terrore e devastazioni nel cuore della città la giornata inaugurale di Expo, l’evento universale apertosi a Milano.
Al corteo del No Expo Mayday Parade, organizzato nel pomeriggio, hanno preso il sopravvento i Black bloc e le fasce più violente e la manifestazione è ben presto degenerata. La situazione è ancora molto tesa e si temono nuove derive anche in vista del concerto inaugurale di stasera per Expo alla Scala. Il corteo era partito attorno alle 15 da piazza XXIV Maggio, colorato e rumoroso come altre iniziative organizzate per il primo maggio anche se quest’anno dedicato in particolare a Expo. Percorso previsto la circonvallazione esterna, lungo corso Ticinese, fino a Pagano, in modo da evitare contatti con il centro cittadino e Largo Cairoli, dove si trova l’Expo Gate. All’inizio i manifestanti si sono limitati a scritte sui muri e sulle vetrine e a qualche lancio di oggetti contro la polizia. Ma in corso Magenta è scoppiato il caos.
Manifestanti incappucciati hanno cominciato a divellere cassonetti, fioriere, pali stradali. Poi hanno lanciato bombe carta, prima contro vetture parcheggiate, alcune delle quali hanno preso fuoco, poi nelle filiali delle banche dalle quali si sono alzate alte colonne di fumo. La polizia ha cominciato a caricare i manifestanti e il corteo è stato disperso con lancio di lacrimogeni attorno a Piazzale Cadorna, dove si trova la stazione Cadorna, da cui parte anche il Malpensa Express. Gli accessi della stazione, così come tre fermate della metro, sono stati chiusi.

Rubylandia

20130625-065520.jpg

Caso Ruby, Berlusconi condannato

24 giugno, ore 21:42

Milano – (Adnkronos/Ign) – Sette anni di carcere e interdizione perpetua dai pubblici uffici. Questo il verdetto di primo grado del processo che lo vede imputato per concussione e prostituzione minorile.Pena aumentata di un anno rispetto arichiesta pm. Boccassini assente per ferie, al suo posto Bruti Liberati. In aula Daniela Santanchè. Ghedini: “Sentenza fuori dalla realtà, ce l’aspettavamo”. Sentenza Ruby scuote la politica. Alfano: “Verdetto contrario al senso di giustizia”. La notizia fa il giro del mondo. (Adnkronos/Ign)

L’inchino

L'inchino_2012©EDUALC 

Regione Lombardia, indagati i vertici della Compagnia delle Opere

17 ottobre 2012

(Nanopress) – Non c’è pace per la regione Lombardia. I vertici della Compagnia delle Opere di Bergamo sono indagati per i loro rapporti con l’ex assessore Nicoli Cristiani arrestato mesi fa per corruzione. Presidente e vice presidente della Compagnia delle Opere, in cambio di denaro e di una scuola, avrebbero fatto da intermediari tra la regione Lombardia e l’imprenditore Pierluca Locatelli che avrebbe pagato per ottenere una discarica di amianto a Cremona. (Nanopress)

Arrestato un assessore della regione Lombardia. Pagò la ‘ndrangheta per i voti

10 ottobre 2012

(Nanopress) – Domenico Zambetti, Pdl, assessore alla casa della regione Lombardia è stato arrestato con le accuse di scambio elettorale politico-mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione. Zambetti avrebbe pagato 200.000 euro per ottenere 4.000 voti gestiti dalla ‘ndrangheta. Dopo l’elezione i rapporti con la malavita calabrese sarebbero continuati con assunzioni e gare d’appalto truccate. Zambetti è stato incastrato con delle intercettazioni ambientali. (Nanopress)

PIN-114. Carichi sospesi

– Licenzieremo prima tutte le donne e poi gli uomini calvi.

– Perché quelli calvi? (PIN)

Caso Ma-Vib, azienda licenzia solo operaie: donne scioperano e uomini crumiri

Milano, 30 giugno 2011 – (Adnkronos/Labitalia) – Lasciate sole dall’azienda, tradite anche dai loro colleghi. Non ha partecipato infatti nessun dipendente di sesso maschile allo sciopero indetto oggi dalle operaie della Ma-Vib di Inzago (Milano), produttrice di motori elettrici per impianti di condizionamento, contro la decisione dei vertici dell’azienda di tagliare, come misura anticrisi, solo i posti di lavoro occupati dalle donne con la motivazione parodossale che ”portano a casa un secondo stipendio” e che in questo modo possono tornare a dedicarsi a figli e famiglia’.

Nel mirino dell’insolito provvedimento 13 donne tra i 30 e i 40 anni di eta’, inquadrate come operaie nel montaggio dei motori. La decisione di licenziarle pare irrevocabile. Intanto attraverso la sua segreteria il titolare dell’azienda fa sapere che “sulla questione preferisce tacere”. (Adnkronos/Labitalia, 30 giugno 2011)

PIN-103. Oh mia bela Madunina

Israele: la festa milanese si fara’ in piazza

Milano, 7 giu. (Adnkronos) – La festa milanese dedicata a Israele “Unexpected Israel” (Israele che non ti aspetti) si fara’ e la location restera’ quella di piazza Duomo, come era stato deciso in precedenza. Lo hanno stabilito questo pomeriggio gli organi interessati, che lo hanno comunicato alla questura. La controversia sul luogo della festa, che si terra’ dal 13 al 23 giugno, era nata dopo le proteste di un comitato filopalestinese che contestava la manifestazione. Cosi’ si era pensato di cambiare posto e si stavano vagliando le possibilita’. Una delle alternative, confermata dalla questura, era il piazzale del Castello sforzesco. Questo pomeriggio e’ arrivata la decisione e la scelta di piazza Duomo come la location definitiva.