Archivi tag: Gaza

La tregua

 La tregua_2012©EDUALC  

M.O.: tv, 10 i morti in raid aerei Israele su Gaza
ultimo aggiornamento: 20 novembre, ore 15:43
Gaza, 20 nov. – (Adnkronos/Aki) – Sono dieci in tutto i palestinesi rimasti uccisi in raid aerei effettuati nell’ultima ora da Israele sulla Striscia di Gaza. Lo riferisce la tv locale al-Aqsa, che fornisce l’ultimo bilancio aggiornato delle vittime delle operazioni effettuate durante la visita a Gaza della delegazione della Lega Araba, guidata dal segretario generale Nabil al-Arabi. Secondo la tv, nel mirino dei raid sono finiti i quartieri di Sabra e Zaytoun, nella parte sud di Gaza, e la zona Beit Hanoun. (adnkronos/Aki)

Gaza: Hamas, “impartita lezione Israele”
Fonte usa toni trionfalistici: “Vittoria Hamas e Brigate Qassam”
20 novembre, 18:29
(ANSA) – GAZA, 20 NOV – Sono trionfalistici i toni di Hamas, in vista della possibile tregua nel conflitto con Israele.
“Abbiamo impartito al nemico sionista una lezione che non dimenticherà mai”, ha detto una fonte di Hamas all’ANSA, aggiungendo che il cessate il fuoco sarebbe “una vittoria di Hamas e delle Brigate Qassam”, il suo braccio militare.

Raid su Gaza, strage di bambini. Al Cairo si tratta per la tregua
07:42 19 NOV 2012
(AGI) – Gaza, 19 nov. – Israele ha continuato nella notte i bombardamenti su Gaza e ormai sono 84 le vittime palestinesi nella Striscia da quando mercoledi’ e’ iniziata l’operazione ‘Pilastro di Difesa’. Secondo fonti sanitarie palestinesi, almeno 11 palestinesi sono morti nelle ultime ore; e in un raid compiuto stamane dall’aviazione israeliana, sono rimasti uccisi altre quattro persone, tra cui un bimbo di 5 anni.
Intanto al Cairo proseguono i colloqui per arrivare a una tregua, che pero’ ancora non si vede all’orizzonte. La crisi sara’ oggi al centro dell’incontro tra i ministri di Esteri e Difesa dell’Unione Europea riuniti a Bruxelles (dove all’ordine del giorno ci sara’ anche lo status che l’Ue concedera’ alla nuova piattaforma dell’opposizione in Siria). Ieri, in un altro raid isrealiano sul distretto di Nasser, a Gaza, erano morti 10 civili, tra cui tre donne e sei bambini.
Finora oltre 1.000 razzi sono stati sparati da Gaza, di questi 544 hanno colpito il suolo israeliano, 302 sono stati intercettati dal sistema di difesa Iron Dome, finanziato dagli Usa. Obama assicura il suo sostegno a Israele ma lancia un appello per evitare un’escalation di violenza e Shimon Peres accusa: “Hamas vuole distruggerci”.
Ma ieri, in serata, proprio mentre arrivavano notizie di altre vittime palestinesi, il portavoce di Hamas, Razi Hamed, ha detto che il 90% degli elementi necessari per raggiungere una tregua con Israele sono stati definiti. Il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, ha pero’ avvertito che Israele e’ pronto ad “allargare significativamente” l’offensiva su Gaza e che “i soldati sono pronti per qualsiasi tipo di attivita’ che si dovesse richiedere”, quindi anche un’offensiva terrestre. (AGI)

Le stragi degli Innocenti


Siria: strage di civili a Hula, “110 morti, decine di bambini”

26 maggio 2012

(AGI) – Nicosia, 26 mag. – Una nuova strage di civili ha insanguinato la Siria nel 63mo venerdi’ di proteste contro il regime: a Hula, nella provincia ribelle di Homs, le forze di sicurezza del regime di Bashar al-Assad hanno ucciso un centinaio di persone, tra cui molti bambini. Sul bilancio preciso del bombardamento condotto dall’artiglieria dopo alcuni scontri alla periferia della citta’ le fonti sono discordanti.
Il Consiglio nazionale siriano, che raggruppa i principali movimenti dell’opposizione, ha parlato di 110 vittime, fra cui 13 bambini, e ha chiesto una riunione d’urgenza del Consiglio di sicurezza dell’Onu per “accertare le responsabilita”. Di 90 morti, tra cui 25 bambini, ha parlato invece l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Immagini amatoriali postate su YouTube da Hula mostrano i cadaveri insanguinati di bambini in un appartamento, uno dei quali e’ decapitato.

Le uccisioni sono proseguite anche nella notte e gli abitanti sono in fuga dal villaggio di Taldau, alle porte di Hula, ha denunciato Rami Abdel Rahman del’Osservatorio per i diritti umani che ha accusato i Paesi arabi e la comunita’ internazionale di essere “complici” di queste stragi. Non ci sono conferme indipendenti sul numero delle vittime a Hula perche’ nella zona non sono presenti giornalisti. Gia’ nell serata di venerdi’ fonti dell’opposizione siriana avevano parlato di una cinquantina di morti. Intanto mezzi corazzati dell’esercito siriano sono entrati per la prima volta ad Aleppo, nel nord, la seconda citta’ del Paese teatro nelle ultime settimane di manifestazioni contro il regime. I blindati hanno disperso migliaia di persone radunate per i funerali di un ragazzo ucciso a colpi d’arma da fuoco.

OSSERVATORI ONU A HULA DOPO MASSACRO CIVILI

Una squadra di osservatori dell’Onu e’ arrivata a Hula, in Siria, dopo la denuncia del massacro di civili. Gli osservatori si sono recati direttamente nel villaggio di Taldau, alle porte di Hula. Il loro obiettivo e’ “documentare i crimini commessi nelle ultime 24 ore, in violazione del cessate-il-fuoco” previsto dal piano di pace in sei punti di Kofi Annan, inviato speciale congiunto della stessa Onu e della Lega Araba, e teoricamente in vigore gia’ dal 12 aprile scorso sull’intero territorio nazionale. (AGI)

Da Giotto e dalla sua straordinaria Strage degli Innocenti nella Cappella degli Scrovegni a Padova.