Archivio mensile:gennaio 2012

Piazza No Tav An Men

Piazza No Tav An Men

Corteo No-Tav a Torino, lo aprono carriole con ‘macerie’

 (Ansa) TORINO – Sei carriole contenenti le ‘macerie’ degli scontri della scorsa estate in Val Susa, come tronchi d’albero, involucri di lacrimogeni, mattoni e filo spinato, aprono il corteo del movimento No Tav che sta attraversando il centro della città di Torino. Dietro le carriole c’é uno striscione con la scritta ‘No Tav una garanzia per il futuro”. Alla manifestazione partecipano al momento alcune centinaia di persone, che sfilano sotto la pioggia e scandiscono slogan contro il Procuratore della Repubblica di Torino, Gian Carlo Caselli, e contro gli arresti fatti dalla Polizia nei giorni scorsi. “Nonostante la pioggia, ancora una volta siamo tantissimi”, ha detto lo speaker del corteo pochi minuti dopo la partenza. “Lo diciamo al Procuratore antimafia che – ha aggiunto parlando dietro uno striscione con la scritta “Il No Tav non s’arresta” – si è schierato dalla parte dei mafiosi e ha incarcerato 32 di noi”, riferendo un numero di persone arrestate diverso da quello di 26, che risulta dall’inchiesta. “Li vogliamo liberi, liberi tutti, liberi subito”, ha proseguito lo speaker. “Siamo contro questa operazione di Polizia che è stata chirurgica per cercar di dividere e sminuire il nostro movimento”, ha commentato Alberto Perino, leader storico del Movimento No Tav.

(Ansa 28 gennaio 2012)

Il volo

Theo Angelopoulos  (Atene, 27 aprile 1935 – Pireo, 24 gennaio 2012)

 Theo Angelopoulos

Cinema: addio a Theo Angelopoulos, investito e ucciso da una moto 

Roma, 25 gen. (Adnkronos) – E’ morto il regista greco Theo Angelopoulos, autore di capolavori come ‘Il passo sospeso della cicogna’, ‘L’eternita’ e un giorno’ e ‘La recita’. Angelopoulos, che aveva 76 anni, e’ stato travolto da una moto mentre attraversava la strada in una localita’ del Pireo. Immediatamente soccorso, e’ stato portato in ospedale dove pero’ e’ morto, intorno alle 22 di ieri, a causa di un’emorraggia interna.

Il regista, nato nel 1936 ad Atene, e’ stato uno dei maestri provocatori del cinema europeo, figlio del grande movimento cinematografico che fu la ‘nouvelle vague’ alla fine degli anni ’60. Angelopoulos, dalla Grecia si trasferisce in Francia, dopo la laurea in legge conseguita nel 1962, per studiare cinema. Nel ’64 torna in Grecia per dirigere il quotidiano ‘Democratic Ghange’, che pero’ viene chiuso nel ’67 con l’avvento della dittatura dei colonnelli. Esiliato, Angelopoulos torna a Parigi dove inizia la carriera cinematografica dirigendo con buoni esiti il cortometraggio ‘La trasmissione’.

Il riconoscimento internazionale arrivera’ con la cosiddetta ‘trilogia greca’: ‘I giorni del ’36’, ‘La recita’ e ‘I cacciatori’. Nel 1991 firma il suo capolavoro, ‘Il passo sospeso della cicogna’, interpretato da Marcello Mastroianni e Jeanne Moreau, con ampi consensi da parte della critica e del pubblico. Nel ’95 arriva ‘Lo sguardo di Ulisse’, iniziato con Gian Maria Volonte’, il quale pero’ muore durante le riprese. L’attore viene sostituito da Harvey Keitel. Tre anni dopo Angelopoulos dirige Bruno Ganz in ‘L’eternita’ e un giorno’. Nel 2004, con ‘La sorgente del fiume’, firma il primo film di una nuova trilogia. Il secondo film della trilogia e ultimo girato dal regista greco e’ ‘La polvere del tempo’, presentato al festival di Berlino del 2009. (Adnkronos News, 25 gennaio 2012)

“Lo sguardo di Theo Angelopoulos che non scorderemo mai”  di Doriana Goracci su Reset Italia